Milano Art Gallery: personale di Elisa Fossati

 

C una poesia che diviene immagine, segno e simbolo. Questo avviene perch le persone hanno bisogno di avere ricordi che possano rischiarare quelli che sono gi nella memoria e che hanno i toni del buio e delle tenebre.

Ci sono immagini che diventano parola, poesia perch il ricordo si fissi pi a lungo, perch il buio di certe notti non trasmuti in tenebra perch ci sia unalba comunque, nonostante tutto, nonostante il tempo che vola e i tempi della vita.

cos che si comprende il fare arte di Elisa Fossati, cos che si pu dare un senso al suo sguardo disarmante e al suo sorriso di giovane donna col cuore di bimba, senza tempo n tempi.

Ogni sua immagine pura evocazione per questo la sua ricerca stata lunga, minuziosa, soprattutto coraggiosa per chi come lei preferisce la sordina, il silenzio e il guardare senza che gli altri si accorgano. Le sue immagini vanno contemplate nel vero senso etimologico del termine. Cum Templum cio, nella sintesi, con lo spazio del cielo.

Non serve avere una fede, serve avere coraggio di guardare oltre, serve fermarsi e leggere il brano che lei ha scritto in ogni imnagine perch lemanazione sia pi efficace e la contemplazione pi spontanea.

Ecco che le cose fatte dall uomo missili, ombrelli e mura diventano bellezza come gli alberi duna foresta, come un tramonto o unalba. Ecco che limmagine con lEros e la Psiche di Elisa diviene poesia e la poesia immagine perch si possa rimanere incantati, perch si possano avere i ricordi migliori, le memorie pi belle.

Alberto D'Atanasio

 

 

Tra i grandi dilemmi dellArte e della Storia, quello drammatico di Antigone e quello buffo di Federigo di Boccaccio, potremmo porre qui il polimorfo Dilemma di Elisa.

Quando una fotografia poetica?
E se una fotografia dArte ha qualcosa a che fare con Techn?
E se si luna e laltra cosa condividono?
La parola scritta pu essere un contenuto delle Fotografia o non diventa un artifizio che implica letteratura o poesia, travalicando le categorie dellimmagine e dello scritto?

Portando avanti quella che negli ani 60 era la Poesia Visiva, Elisa ne fa unapplicazione Poetica utilizzando le attuali tecnologie che, il taglia e incolla lo fanno tra un pixel e laltro mentre allora era fatto con vere forbici e con la famosa colla Cow Gum, come gli Operatori Culturali del tempo ricordano.

Ma oltre alle forbici digitali, la Poetica di Elisa si manifesta con luso dei generatori di testo per sovrascrivere le sue foto, collocando, in punti semanticamente privilegiati, pensieri brevi, autentiche poesie, senza schema, ma originate da un forte afflato poetico, creativo e fortemente innovativo.

C, trasparente, un grande romanticismo sia nelle foto sia nelle poesie che, nel collage cercano, e trovano, un differente mezzo di comunicazione che travalichi gli schemi e che consenta una possibilit espressiva allargata, aperta alle emozioni che diventano immagini dArte, nel senso proprio di Techn per una Poetica che, da un tempo retr, trova la sua Avant Carde.

Una Poesia Visiva non critico politica, come quella antica del secolo passato, ma Poetica e Ri-Generativa per il tempo presente, per il futuro. La Poetica immaginifica di Elisa Fossati.

Roberto Villa

 

Mostra personale di Elisa Fossati

 

GUARDA LE FOTO DEL VERNISSAGE

P a r t n e r

ArtsLife WM Capital Editoriale Giorgio Mondadori Ciaccio Broker Alviero Martini Starhotels

Organizzazione

PROMOTER ARTE Mostre Editoria Comunicazione

MILANO ART GALLERY Spazio Culturale  |  via G. Alessi 11, 20123 Milano  |  Tel. 02.76280638, cell. 393.9234762
info@milanoartgallery.it - www.milanoartgallery.it  |  © 2019 - All Rights Reserved