Iniziative Culturali


Grande successo lo scorso venerdi per la presentazione del libro “Dieci uomini per marilyn monroe”
di Morgana Montermini ed Enrico Monti presso lo Spazio culturale MILANO ART GALLERY

Nonostante la neve, lo scorso Venerdì 14 Dicembre 2012, alle ore 18.00, gli autori Morgana Montermini ed Enrico Monti, hanno riscosso grande successo presentando il loro libro “Dieci uomini per Marilyn Monroe” (Incontri Editrice), presso "Spazio Culturale Milano Art Gallery", situato nel cuore del capoluogo lombardo, in via G. Alessi n. 11.

Durante l’incontro, organizzato da Agenzia Promoter, di Salvo Nugnes, i due autori hanno offerto uno spaccato, in parte inedito, della vita di Marilyn, raccontato e riflesso nelle storie di dieci importanti uomini, che durante la sua straordinaria, quanto breve esistenza, l’hanno amata o semplicemente avuta. Da Joe di Maggio al Presidente John Kennedy, da Frank Sinatra al commediografo Arthur Miller e gli altri, che hanno impresso un sigillo significativo nel percorso esistenziale della Diva.
Il libro, è scritto a quattro mani dai due amici di Sassuolo, che condividono la grande passione per Marilyn e desiderano ricordarla e valorizzarne al meglio la sfera privata, poiché da sempre la sua immagine è legata a falsi stereotipi ed è rimasta avvolta, da misteriosi e ambigui silenzi, che le hanno negato la dignità umana e professionale.

Venerdì sera, Morgana Montermini ed Enrico Monti, ci hanno dato, inoltre, un assaggio dello spettacolo teatral-musicale omonimo, nel quale vengono descritti aneddoti, episodi e vicende su Marilyn Monroe, come una sorta di diario di bordo, recitando, in accompagnamento con la chitarra acustica, una poesia di Pierpaolo Pasolini dedicata alla Diva.

 

Intervista al Dott. Enrico Monti, in occasione della presentazione del libro Dieci Uomini per Marilyn Monroe
scritto insieme a Morgana Montermini, presso Spazio Culturale MILANO ART GALLERY in data 14 dicembre 2012

Dottor Monti, quando e dove sarà la prossima presentazione del libro?
La prossima presentazione del libro "Dieci uomini per Marilyn Monroe" scritto a quattro mani, insieme all'amica Morgana Montermini, è prevista per Venerdì 14 Dicembre, alle ore 18.00, presso "Spazio Culturale Milano Art Gallery" con l'organizzazione di Agenzia Promoter, di Salvo Nugnes.

 

Pensi a tre aggettivi, per definire Marilyn come attrice.
Potrei definirla come, naturalmente attrice, poiché recitava e si muoveva come un'attrice esperta, fin da inizio carriera, poi era più preparata di quanto non pensassero gli addetti ai lavori e l'opinione pubblica e infine era persona "acculturata" e si dedicava a letture impegnative, tra cui "Ulisse" di James Joice.

 

Pensi a tre aggettivi, per definire Marilyn come donna.
Direi semplicemente forte, debole, bellissima.

 

Da medico, in che modo ritiene possa essere stata alterata l'autopsia di Marilyn?
Penso che, l'alterazione sia stata compiuta sulle prove tossicologiche, in cui si poteva agevolmente falsificare gli esiti, manipolandoli, o recuperando il sangue e le urine da qualcun altro, malato o intossicato cronico, oppure mistificando i valori ottenuti, dagli esami effettuati. Peraltro, in via rettale è stata iniettata una sostanza, chiamata cloralio idrato, che sembra abbia accelerato o addirittura favorito il suo decesso.

 

Attualmente pensa ci sia una degna erede di Marilyn?
Assolutamente no, nessuna erede di Marilyn, che è unica ed irripetibile!

 

Una frase chiave per definire ciascuno dei "Dieci uomini di Marilyn".
Arthur Miller era borioso e saccente; Bob Kennedy era un idealista inconcludente; Clark Gable nutriva un amore paterno, un sentimento di affettuosa protezione; Frank Sinatra pensava solo alla carriera, molto egoista ed egocentrico; Ralph Greenson, in quanto medico psichiatra di fiducia di Marilyn, rappresenta il tradimento della psicanalisi; Johnny Hyde era il brutto, che sognava l'amore impossibile di Marilyn; Joe di Maggio era veramente innamorato di Marilyn e lo è stato per tutta la vita; John Kennedy era bramoso di fama e potere e privo di sentimenti; Sam Giancana era un vero speculatore malavitoso; Yves Montand era il guascone, fintamente innamorato, il tipico latin lover casanova.

 

A quale di questi uomini si sente di assomigliare di piu' e per quale motivo?
Mi sento di assomigliare di più a Bob Kennedy, perché muore nel 1968 e io ho vissuto molto intensamente il momento del suo omicidio, perché quando si è diffusa la notizia abbiamo tutti scioperato spontaneamente, uscendo dalle scuole, poi perché ho espresso il mio concetto di amore vero, in una frase, da lui pronunciata nel libro "L'amore deve essere urlato ai quattro venti, senza essere schiavo delle convenzioni". Bob era veramente innamorato di Marilyn, ma troppo succube del fratello John e delle convenzioni borghesi, perciò l'ha tradita. Era presente anche la sera, in cui è morta, ma è fuggito in auto, però i vicini lo hanno visto.

 

A quale di questi uomini era piu' legata Marilyn e per quale motivo?
Joe di Maggio è l'uomo più significativo nel suo percorso sentimentale, lo cercava sempre e lo teneva come riferimento, al momento del bisogno. Lui la rassicurava e l'amava davvero, ma era troppo geloso e possessivo però. Ma anche con Bob Kennedy ha avuto un forte legame, con un coinvolgimento completo e totale e lui era sinceramente innamorato, con grandi premure e tenerezze per lei.

 

 

 

Intervista a Morgana Montermini, in occasione della presentazione del libro Dieci Uomini per Marilyn Monroe
scritto insieme a Enrico Monti, presso Spazio Culturale MILANO ART GALLERY in data 14 dicembre 2012

Quando e dove sarà la prossima presentazione del libro?
La prossima presentazione del libro "Dieci uomini per Marilyn Monroe" scritto insieme all'amico Enrico Monti, si terrà Venerdì 14 Dicembre, alle ore 18.00, presso "Spazio Culturale Milano Art Gallery" in Via Alessi 11, a Milano, con l'organizzazione di Agenzia Promoter, di Salvo Nugnes. Durante la presentazione, farò una particolare performance dal vivo, con una chitarra bianca, interpretando una poesia di Pasolini, dal titolo "Marilyn" a lei dedicata.

 

Una definizione di Marilyn come attrice.
Marilyn era tutto in uno, semplicemente fantastica, un'attrice comica e drammatica insieme. E' impossibile ritrovare le caratteristiche distintive in altre attrici, era come un volo di colibrì, sul set era presente al massimo e riusciva a cogliere e catturare al meglio il cd attimo fuggente.

 

Una definizione di Marilyn come donna.
Marilyn era eterea, come un'ombra d'oro, sensuale, seducente, eterna bambina.

 

Si considera affine e somigliante a Marilyn?
Fisicamente, anch'io sono bionda, morbida e formosa, ma la principale affinità, che sento di avere con Marilyn è l'intenso amore per il jazz e fin dall'infanzia, lei è stata la musa ispiratrice, per accrescere la mia inesauribile e viscerale passione per il jazz e la musica in generale, che io concepisco come musicoterapia, intesa come musica del benessere e antidepressiva. Sono convinta che, se Marilyn non avesse intrapreso la carriera di attrice, avendo una vera anima da musicista, sarebbe diventata famosa come interprete jazz, di innato talento.

 

Attualmente c'e' un'erede di Marilyn?
Direi proprio di no, perché Marilyn trasmetteva un'emozione unica ed imparagonabile, era una dama bianca, aveva in sé qualcosa di magico e indescrivibile. E anche a livello fisico, nessuna può essere considerata una degna erede di Marilyn.

 

Da quale dei dieci Uomini di Marilyn sarebbe stata conquistata piu' facilmente?
Penso Yves Montand, perché adoro la Francia e mi avrebbe ammaliata con i suoi modi, da esperto seduttore.

 

A quale dei dieci uomini, citati nel libro, era piu' legata Marilyn e perche'?
Senza dubbio, Joe di Maggio era il vero grande amore e il suo principale pilastro di riferimento, sempre pronto a supportarla e a soccorrerla in ogni occasione, era la sua ancora di salvezza. Il loro è stato un amore assurdo, ma indissolubile.

 

Quando e come e' nato l'omonimo spettacolo teatral musicale?
La prima teatrale di questo spettacolo, da noi ideato, che riprende il titolo del libro, è stata fatta quasi a porte chiuse, in un teatro in provincia di Reggio Emilia. Abbiamo, volutamente, scelto la data del 9 Novembre, in quanto è un giorno simbolico speciale e molto ricorrente nella vita di Marilyn, per varie situazioni ed eventi connessi. Presto speriamo di poter organizzare un vero debutto ufficiale. Nello spettacolo, vengono descritti aneddoti, episodi e vicende su Marilyn, come una sorta di diario di bordo. E' corredato anche da una proiezione originale, che funge da scenografia.

Partner

ArtsLife WM Capital Leima Edizioni Ciaccio Broker Alviero Martini Starhotels

Organizzazione

PROMOTER ARTE Mostre Editoria Comunicazione

MILANO ART GALLERY Spazio Culturale  |  via G. Alessi 11, 20123 Milano  |  Tel. 02.76280638, cell. 393.9234762
info@milanoartgallery.it - www.milanoartgallery.it  |  © 2012 - All Rights Reserved
Web Design by Eros Battaglia - grafica@agenziapromoter.it